Blog: http://dido.ilcannocchiale.it

La Forza dei Ricordi - Alessandra Iannone

 

                                                                                                                         

 

Chi pensava che lo sperimentalismo, che dagli anni ’60 in poi, cumulato al linguaggio della cibernetica, del web, dell’evoluzionismo sintetico, avesse potuto uccidere la vecchia narrazione trova in questo libro una piacevole battuta d’arresto.
Ne “La Forza dei Ricordi” Alessandra Iannone racconta.
Indossa una veste d’organza a fiori, diventa sua nonna e, racconta.
Narra una vicenda a cavallo tra gli anni ’30 e ’40, personalissima ma universale perché simile a tante altre, in quel tempo in cui Dio vide i suoi figli tornare bestie, nella II guerra mondiale.
È una storia d’amore, che racconta un amore.
L’amore di una ragazza per sua nonna. Il ritorno ai primordi della letteratura, “Siediti – le dice la nonna – ti racconto una storia”, e comincia così a narrarle del suo drammatico, limpido, primo ed unico amore.
Sembra un romanzo ma è una storia vera, come tutti i romanzi che, o si sono avverati o lo faranno. Il linguaggio non avrebbe potuto essere diverso. L’amore, vero conflitto d’interesse tra nonna e nipote, riesce ad annullare la scrittrice, facendo diventare l’ava l’autentica autrice. Non facile.
Il racconto è una pagina delle migliaia di storie di quel periodo.
Le tragiche divisioni dei corpi dai sentimenti, che resero ancora più atroce quella guerra; gli amori divisi e i cuori spaccati a metà con l’accetta del dovere.
Un ragazzo che torna dal nord Italia alla sua città d’origine in visita a parenti.
Una ragazza che aspetta un amore da incontrare, girovagando con gli occhi.
Gli occhi che s’incontrano sono loro ad innamorarsi, in quegli anni dove solo gli occhi si potevano “toccare”.
Il racconto di Giugliano in Campania, solida città rurale, ruvida realtà dove l’ordine di una moralità codificata ed ottocentesca mette svariati cancelli davanti ad un sentimento limpidissimo.
Un epistolario intenso e bello, quando l’amore era un francobollo incollato su di una busta.
Le pagine s’inerpicano tra angosce e felicità improvvise, fino all’epilogo…
Ottima prova nell’opera prima di questa giovane avvocato.
La sua prima lettera Alessandra Iannone la ricevette appena nata dal sottoscritto, era un telegramma che recitava: “Benvenuta!”
Ho pronto un’altra missiva, stavolta sarà un e-mail: Benvenuta collega!”
 
                                      

Pubblicato il 8/5/2010 alle 8.41 nella rubrica info letterarie.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web