francesco di domenico il blog Agi Berta, una voce ungherese nell'Europa del Silenzio. | dido | dido letteratura | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

dido
gli occhi della memoria sono più acuti di quelli di uno sparviero


Diario


29 dicembre 2011

Agi Berta, una voce ungherese nell'Europa del Silenzio.

 

Agi Berta

 
 
Non mi occupo di politica, non più, ora farei lo scrittore, contrabbandando favole surreali, a volte per far sorridere, tante altre, per condividere parole. Ma il gioco si fa duro. Il paese dei campanelli, la dolce Ungheria è sotto il giogo di una “dittatura democratica”, uno dei rischi più gravi per la democrazia, specialmente per chi ricorda storicamente come arrivò al potere Hitler e come ci è arrivato il satrapo nostrano, la mia amica Agi Berta ha lanciato un grido di dolore dalle pagine di Facebook, copio le sue parole e condivido sul mio blog.
Agi Berta è un’intellettuale ungherese naturalizzata italiana, vive a Napoli da moltissimi anni, dove ha due figlie e due amori, il golfo partenopeo e la sua amata Ungheria. Quest’estate ha collaborato con Andrea Tarquini su  “La Repubblica”, aiutando il brillante giornalista a districarsi nell’inquietante magma politico che si sta creando in quel paese.
       
        “Mi sono sempre chiesta come è stato possibile a trasformare in pochi anni  la repubblica di Weimar in uno stato nazista. Beh la sto imparando dalla scansione delle nuove leggi introdotti in Ungheria dal primo ministro Orban. Secondo Liberation con le nuove norme elettorali introdotte in Ungheria ad Orban basterà raggiungere il 25% dei voti per farlo diventare una maggioranza di 2/3.
        L’Ungheria dunque non avrà bisogno di imbrogliare le elezioni come succede nella Russia di Putin, perché le regole stesse permettono delle pesanti falsificazioni. Gabor Schering (LMP) aveva dichiarato che la legge attualmente in vigore di fatto impedisce che i cittadini possano cambiare il governo.
        Anche il sistema di tassazione è catastrofico. In un momento di grave crisi lo stato perde 1,6 miliardi di euro perché i ricchi pagano la stessa percentuale di tasse che i poveri. Mentre i salari dei poveri, dunque la stragrande maggioranza degli ungheresi, sono pesantemente abbassati a causa delle tasse, i ricchi pagando la stessa percentuale di fatto pagano pochissimo. Poiché anche questa “ tassazione a quota unica” è legge dello stato, sarà impossibile cambiarla.
Perfino Orban aveva riconosciuto con molta compiacenza d’aver legato la mano di ogni futuro governo.
        In questa settimana inoltre è stata accettata una nuova norma parlamentare che, di fatto, impedisce i dibattiti parlamentari. Il giorno prima di Natale il parlamento ungherese aveva coniato 17 (DICIASSETTE) nuove leggi senza alcun dibattito. Ciò aveva fatto infuriare l'esigua opposizione…che è stata arrestata per aver osato protestare. E' vero, poche ore dopo sono stati tutti rilasciati - tra cui il precedente primo ministro Ferenc Gyurcsany - ma le leggi sono stati comunque accettate. E si tratta di leggi che influenzeranno pesantemente tutto il futuro della politica ungherese ovviamente in una direzione autoritaria.
        La stragrande maggioranza degli ungheresi non sa niente di queste manovre, ne degli scioperi, tanto meno dello sciopero di fame per la stampa libera di molti giornalisti, o di tante altre norme truffe introdotte perché a causa della legge bavaglio anche le tv private sono costretti ad autocensura. Solo i cittadini che leggono i pochi giornali ancora liberi sono almeno informati, ma di fatto sono sotto ricatto. Molti amici miei mi chiedono di non inserire commenti politici sulla loro bacheca. Temono licenziamenti e ritorsioni, anche solo per aver un contatto FB eversivo come me (sic!).
 
Agi Berta e Ferenc Karinthy, scrittore e novellista ungherese (1921/1992)
 
        Dopo aver imbavagliato i media, Orban aveva “riformato” anche la giustizia e ciò aveva reso possibile rivedere le condanne inflitte agli estremisti di destra dopo gli scontri del 2006. L’età pensionabile dei giudici è sceso da 70 a 62 cosi i neofascisti al governo si sono liberati dei 300 giudici di maggior prestigio e esperienza. (perdonatemi ma non mi va più di usare sinonimi soft come "bonapartisti, reazionari" sono fascisti e basta!)
 Agi Berta (anni '80)
E’ inquietante la concentrazione di potere nelle mani di Tunde Hando – amica intima della famiglia di Orban nonché moglie di un eu parlamentare fidesz – nominata per 9 anni a guidare l’ufficio nazionale degli affari di giustizia. L’unica persona che ha osato alzare la voce contro questo provvedimento è sta Andras Baka, presidente della corte suprema ed è stato immediatamente rimosso dalla sua posizione.
L’ UE tace. Certo, è presa da altri problemi ben più importanti che non la trasformazione di un paese piccolo piccolo in regime fascista. Forse si illudono che se le cose si mettono male, se lo scontro finale a cui Orban si sta preparando diventa effettivo, potrebbero "mangiarlo in un solo boccone" come fece il lupo cattivo con Cappuccetto Rosso. ma non è cosi. I bocconi avvelenati avvelenano tutti.”
God save Hungary! Per favore diffondete.
(magari dopo aver corretto gli errori ortografici)
 
Agi Berta


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. la repubblica ungheria dido andrea tarquini agi berta

permalink | inviato da dido il 29/12/2011 alle 15:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     ottobre        febbraio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
info letterarie
arte

VAI A VEDERE




maria chiara di domenico
simonoir
Didò
Silvia Leonardi
Cristina Bove "Sweet"
Stefano Mina
Stefano Mina Pittore
Letteratitudine M.Maugeri
Gea blog di classe
Didò II - Le noveau
Acquista Didò
Via delle Belle Donne
Didò su VDBD
"dolce" Morena Fanti
Riccardo Marassi


 

Un attimo

Felice/mente spossato/a,

un attimo è stato un attimo

neanche il tempo di pensarlo, l'attimo

un grande fiume caldo salito al cuore

e giù fino all'infinito, un attimo

è stato un attimo/ veloce come

cavaliere che rincorre la giumenta

scappata in un attimo e raggiunta

come fiume caldo fuggito dal cuore,

un attimo è stato un attimo.

 

F. Di Domenico 29 XII 2009

 

Un omaggio a due attimi, differiti,

ma unisonici.

 

 

 “…il culo del cammello, smuove le dune
 del deserto…”
 “Pensieri sullo sterco molle delle dune a
 nord di Rabat”
 
 di Zhui El Khan
 


  Il nuovo libro

       La mia prima antologia personale
       21 racconti/ventuno soluzioni di
       vita per chi crede di essere normale.
  
        
         le tre antologie
    che raccolgono miei racconti

        


       

     

    

    

    

    

Arte & Artisti di Famiglia



        

Maria Chiara Di Domenico "Deserto d'oro"

          Scultura & Pittura
          
          
               
                
Ahmed Al Safi
Nato in Iraq nel '71, allievo di Ismail Fattah
padre dell'arte irakena. Vincitore del premio
"Ismail Fattah 2000". L'arte di Al Safi, riflet-
te quella generazione di artisti che negli an-
ni novanta hanno vissuto il disagio dell'emb-
argo
e della dittatura saddamista e, succes-
sivamente dell' ulteriore sfacelo dell'
Iraq con
l'arrivo delle truppe straniere.
Vive e lavora a Issoudun in Francia, nella
splendida regione de "L'Indré".


 The Lord

The Saatchi Gallery - Contemporary art in London

Ahmed Al Safi - "Didò scrittore"




 

     


 

 

CERCA